Una Violenta Speranza

Ci vuole poco a far crollare tutti i progetti, basta togliere il sostegno principale, l’arcata che solleva, il piedistallo che da senso e fa da base. Effetto domino. Ancora non mi sono decisa se essere il carnefice o la vittima dei miei sogni, a chi spetta il compito? Il cervello che svalvola, la società,… di fatto poi lo  schianto arriva, il crollo. Faccia a terra sul cemento.  E’ la caduta che ti prende disarmata, ti toglie il fiato. Non è come buttarsi dall’aeroplano verso il vuoto, ma è il vuoto che ti distrugge. Interrogarsi talvolta aiuta, ma sembra peggiorare, quella sensazione che niente va come dovrebbe andare, eppure funziona, funziona tutto alla grande. Lo vedi, lo leggi nel viso di chi ti sta accanto e ti spinge ad andare oltre, ma per te quell’oltre è tutt’altra storia, tutt’altra cosa. Non è il realizzarsi, non è essere felice. Riempi lo stomaco e offuschi il cervello, ma il cuore no. Provo ad avvertire, quello scantinato impolverato tra le costole. Tu vai, continui a sgretolare muri, gli stessi che avevi costruito. La fatica aumenta, sembra di combattere contro tutto, invece che contro te stesso. Funziona quando assecondi il resto, sperando. Lo sai che peggiora? La consapevolezza è un arma a doppio taglio, con quanti modi diversi ci illudiamo e ci facciamo del male. L’audacia delle nostre azioni non dice molto su chi siamo. 

fireman_fine

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...