Spike

Non ho ancora finito di sbagliare. Sono vittima e regina dei conflitti sociali. Ora che ci penso mi chiedo cosa mi abbia impedito di vivere come più gradivo. Troppo presa a fare la cosa giusta, non esporsi “troppo”, lasciare all’apparenza il gioco dei ruoli. Trovare se stessi a pensare. Pensare a come lo stare in società abbia reso l’uomo debole e vulnerabile. Forse perchè stare in gruppo offre molte possibili occasioni per dire “non ero io, altri”. Quando si spegne il cervello, ci si accorge di quanta energia si spenda per elemosinare l’approvazione degli altri e di quanti soldi girino per sentirsi importanti.
Come molti di noi gestiscano la loro vita, posso pensare di essere diversa, ma non lo sono. Non abbiamo carte da giocare, una società liquida in cui navighiamo senza saper nuotare.
Lascerei al tempo l’ultima parola. Esattamente come deve essere, cogliendo quel che viene. Imparando ad accettare.

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. newwhitebear ha detto:

    Lasciarsi prendere dall’aspetto sociale, ovvero fare quello che fanno gli altri sia mentalmente sia fisicamente, può essere utile per sentirsi meno soli ma ha come svantaggio l’essere costretti a rincorrere gli altri. Gli amici, o presunti tali, hanno lo smartphone ultimo grido da esibire come trofeo? Allora anch’io per emulazione lo debbo fare. E così di gradino in gradino. Ma questo ci gratifica o ci rende doppiamente insoddisfatti?

    Liked by 1 persona

    1. Musa ha detto:

      Insoddisfatti. Cosicché siamo ancora più portati a continuare su quella strada. Senza ottenere qualcosa di positivo.
      È quasi un appello 😀
      ale_

      Liked by 1 persona

      1. newwhitebear ha detto:

        Più persevera, più siamo insoddisfatti

        Liked by 1 persona

  2. Morena Pirri ha detto:

    L’ha ribloggato su Morena macrame Bloge ha commentato:
    Cambiare il punto di vista non è facile nè indolore, ma tentar non nuoce…..non importa se a venti, trenta, o quaranta anni purché si arrivi a farlo.

    Mi piace

E tu, cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...