Controllo monotono

preda2

E’ piacevole avere il controllo sulle persone e su sé stessi. A un certo punto potrebbe divenire noioso e monotono. Mi soffermo sul controllo che si può avere su una persona, in questo caso di sesso maschile e che vogliamo stuzzicare. E’ bello poter decidere quando farci apprezzare e far sì che ci dia attenzioni. Sarebbe altrettanto bello se lui non cascasse ogni volta nella trappola e riuscisse a tener testa. Ecco il controllo monotono, tutti cascano nella rete e tutti reagiscono alla stessa maniera, il gioco è prevedibile, tutto è piatto e così palesemente noioso. Seppur noioso, monotono e banale, quando la “preda” distoglie la propria attenzione dal “cacciatore”, scatta il minimo istinto di gelosia. Non è corretto definirla tale, poiché è solamente la consapevolezza di non aver più nessuno da stuzzicare e controllare, nessuno che ti presti più attenzioni. Ovviamente, la “preda” ricasca nuovamente nella trappola non appena noi cacciatori possessori del controllo, ricorriamo ai ripari. Qui vi è la monotonia, la “preda” non riesce a sovrastarci od ostacolarci, finiamo così per perdere l’interesse su di essa. Puntiamo ad un’ altra sfortunata vittima, tenendoci comunque salda la precedente. Alla fine dei giochi colei che resta amareggiata, non è la “preda”, bensì colei che ha innescato la trappola.

Annunci

27 risposte a "Controllo monotono"

Add yours

      1. Finché quella preda non prenderà coscienza di ciò che potrebbe essere, accettando il suo ruolo, non esisterà modo di salvarla e seguirà il corso naturale delle cose. Per non essere prede occorre volontà e fatica…

        Mi piace

      2. E forse non si arriverà mai a capire. Talvolta però non è solo chi deve capire ad essere in ritardo, quanto le informazioni che le arrivano sempre più confuse… A volte i dubbi possono ostacolare, nostro malgrado, la ragione. Avere dubbi è umano, non averli è presunzione…

        Mi piace

      3. Esattamente, non intendevo offenderti e spero che non ti sia passato questo messaggio… Intendevo solo dire che hai capito esattamente ciò che esplicitamente ho omesso… Probabilmente mi sono espressa male… Pardon

        Mi piace

      4. Non mi era parso ci fosse stato errore e quindi eventuale offesa. Tranquilla la tua idea mi giunge nuova 🙂 Stiamo parlando. Se poi ti ho dato modo di interpretare male il tono delle mie risposte mi spiace, non c’era intenzione…

        Mi piace

      5. Mi sa di sì! 😀 Comunque io preferisco essere preda (sveglia) che cacciatore. Essere preda sta ad indicare che c’è qualcuno che ti vuole, anche se a modo suo. E se sei abbastanza intelligente riesci a sfuggirgli. Essere cacciatore mette a rischio di delusioni cocenti e poi è sintomo di perenne solitudine…

        Piace a 1 persona

      1. Vedi,c’è sempre un rapporto perverso anche nel caso del cacciatore e della preda: difficile stabilire quando l’uno ha preso l’altra; quando l’uno decide di giocare con l’altra… Come canta una canzone dei Ruben blades(gruppo di salsa portoricano):la vita dà sorprese,la vita è una sorpresa, così è anche per il cacciatore…

        Piace a 1 persona

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: