Infanzia

Sta cammindando su una superficie d’acqua. Lo trovo ammirevole e nel contempo ironico, considerando i millimetri di profondità. Ciò non lo disturba, si crede Dio lo stesso. Sta osservando come il riflesso dei suoi piedi gli provochi un senso di freschezza estiva, sebbene l’autunno sia alle porte. Chiede di fargli una foto, vuole ricordarsi che è ancora capace di provare che cosa voglia dire “infanzia”. Noto la tensione sulle labbra, sta per scoppiare in una risata che so già, coinvolgerà anche me.

Scatto. Un altro, poi ancora.

Mi corre incontro e mi sporca di terra i jeans, poi osserva il fattaccio “stai meglio senza“, fa, giocando con il bottone, per un momento so esattamente chi è l’uomo che ho davanti. Se ne sta tranquillo a piedi scalzi, un rametto impreca sotto la pianta del piede.

A piedi scalzi

https://philosobia.files.wordpress.com/2013/10/1294425_387520271375006_1641244596_o.jpg?w=533&h=303

Un saluto a voi tutti e buonasera!

Noto che in mia assenza si sono svolti dei cambiamenti, grazie per i commenti e il tempo che dedicate alla lettura degli articoli. Credo che tutti ci stiamo preparando ad un altro Autunno!

Musa

Annunci

13 thoughts on “Infanzia

E tu, cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...