Stare da soli

Si afferma spesso che da soli si sta bene, che non vi è bisogno di un partner. E’ pura verità o è la reale paura che qualcuno possa entrare dentro di noi, mettendoci a nudo? Non è facile darsi e aprirsi completamente ad un’altra persona, lasciare che qualcuno entri e scopra chi siamo. Sto bene da sola. E’ una semplice risposta per non affrontare il problema. Essere parte di un’altra persona e fare in modo che essa lo sia di noi stessi è un grande impegno, un sacrificio a livello intimo, significa spogliarsi completamente delle nostre maschere, delle nostre paure, sofferenze, del nostro vissuto, di noi stessi. E’ la voglia che viene a mancare. Si aspetta solamente che una persona arrivi e che sia lei a scoprirci, a capirci, senza il bisogno da parte nostra, di darle degli input, dei segnali per gridarle che noi abbiamo le nostre maschere, che non possiamo levarle nell’immediato, che deve essere lei in grado di saperle toglierle. E noi? Cosa facciamo noi? Continuiamo a costruire muri su muri, un tunnel senza uscita. Prima o poi dovremmo fermarci, al posto di costruire, dovremo abbattere. Se non siamo noi stessi i primi a farlo, a chi spetta tale compito?

solitudine

Annunci

5 thoughts on “Stare da soli

  1. Stare da soli. Bah! credo che sia un bel alibi per nascondere le nostre insicurezze. Certo si può stare da soli per brevi periodi, per riflettere, per ragionare sui prossimi passi ma alla fine si proverà una grande solitudine che noi non siamo in grado di arginare o colmare. Certo scegliere qualcuno perché ti faccia compagnia non è semplice. I brutti incontri sono dietro l’angolo ma se non si rischia e se soprattutto non si è in grado di capire l’errore e porvi rimedio, la solitudine ci rende aridi. Solo il contatto con tuo prossimo piacevole o odioso è in grado di darci quel quid che ci permette di crescere, di conoscere e maturare.

    Liked by 1 persona

  2. Un tempo pensai di chiudere per un preciso volere, mi sembrò l’unico modo di ricominciare dopo le stagioni del confronto e della condivisione. Mi venne bene e fu facile. Adesso so che nonsi trattò di una scelta razionale e che la chiusura era l’esito di una profondissima ferita: sono la cicatrice che è rimasta. Ma non è detto sia per tutti così.
    Felice di poterti rileggere in questa nuova veste.

    Liked by 1 persona

E tu, cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...