Save room

Non ci crederei, sono qui davanti che l’ascolto, ha qualcosa di distante, percepisco stia nascondendo qualcosa. Osservo il taglio delle sopracciglia, una scura linea netta. Il colore degli occhi, d’un tratto mi sento pervaso da un vago senso di disagio.
“Che cambiamento” sospiro.
“Nelle ultime settimane non ho avuto molto tempo di scriverti, stasera potremmo andare in quel locale? Vicino al negozio di fiori che fa angolo…”
Scorro gli occhi dal quadrato dell’orologio brillante al tacco alto “che cambiamento…”
Rivolge un largo sorriso “ci faremo compagnia” o quasi, continuo ad osservare “certo, come preferisci” ha qualcosa che impedisce di sentirmi a mio agio. “Ti chiamo poi, inizia a breve la riunione di consiglio” mi avvio verso la sala, sta sorridendo.
La testa vacilla, come dopo aver bevuto di troppo  “che cambiamento!”
Per qualche ora assorto dal lavoro. La progettazione di un nuovo brand mobilita diversi dei nostri colleghi. Il progetto dovrebbe essere, come tutti i nuovi progetti, innovativo, ricercato. Naturalmente a basso costo, la nuova sfida del dirigente dell’anno.
“Cosa ne pensi?”
La bozza scorre di mano in mano attorno al tavolo “di innovativo ha il colore verde” qualcuno dice ironico “potremmo ingrandire questi dettagli, far leva sui prodotti che intendiamo rivalorizzare sul mercato” aggiunge un altro.  “Potrebbe essere un punto di svolta!” il terzo; una frase che ho imparato in automatismo “col giusto impegno, si ottiene il massimo” ne sono convinto, essendo arrivato fino a sedermi a questo tavolo. Nel mentre, un paio di occhi dall’altra parte della vetrata incontrano i miei, cosa stava osservando?
Quanto cambiano le persone, i soldi.
“Credo che andrò a bere un sorso d’acqua” dico ai colleghi, c’è movimento oggi. Uscendo dalla seconda entrata, considero il fatto di volerla evitare di proposito.
“Vai di fretta?” riconosco la voce femminile, passandomi accanto. Il ticchettio dei tacchi mi provoca una certa sensazione. “E’ così, hai ottenuto la promozione” faccio; sorride compiaciuta “non è grandioso?”.
Faccio un gesto con la mano, siamo in una delle stanze inutilizzate del piano. Di chi è stata l’idea di mettere questa fontanella d’acqua, qui?!
“Ti trovo in forma, davvero” esprimo sincero.
“Periodo fortunato, non potrei chiedere di meglio” si osserva le unghie laccate di nero.
“Trovato la tua dolce metà?” un’altro dei suoi sorrisi
Bevo qualche sorso, riflettendo sulla risposta “sai com’è, se respira…”
“Oh, non credo. Non sei di questo genere”
“Hai ragione, ma sai. Le persone cambiato” accenno. Che abbia colto il nesso? Scuote la testa, lasciando ondeggiare i capelli. Mi arriva dritto al naso un odore intenso di vaniglia.
Fa un passo verso di me, tirandomi per un passante della cintura. Sorreggo la sguardo, ma infondo a quel paio di occhi scuri, non mi ritrovo.
“Non è il periodo”
Oltre al bianco delle pareti non so su quale dettaglio potrei soffermarmi per evitare il passo successivo. Da certe reti è difficile uscirne senza drastici tagli.
Alcune voci in corridoio risolvono la situazione.
C’è qualcosa nel suo modo di fare che lascia nell’incertezza. Si avvia verso il suo ufficio, resto ancora per qualche momento al mio posto, l’odore di vaniglia scomparso. L’unico lecito pensiero che vorrei non affiorasse alla coscienza; come si possa essere così commerciabili. Probabilmente, al giusto prezzo, avrei avuto anch’io una fetta della torta.
Immagine tratta liberamente dal web
Annunci

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. massimolegnani ha detto:

    piaciuto.
    racconto dai tagli netti, dialoghi all’osso, esche lanciate da uno all’altro, ambientazione precisa e antefatti tutti da intuire, voce maschile ben impostata, credibile.
    complimenti
    ml

    Mi piace

    1. Musa ha detto:

      forse avrei dovuto approfondire meglio le parti, effettivamente è molto all’osso .. !

      Mi piace

  2. massimolegnani ha detto:

    no, trovo vada benissimo così, la polpa ce la mette, se vuole, chi legge. 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Musa ha detto:

      senza volere ho lasciato il giusto spazio allora 🙂 mi fa piacere… grazie per aver dedicato il tempo alla lettura e al commento!

      Mi piace

  3. newwhitebear ha detto:

    asciutto ma intenso.
    Va bene così.

    Mi piace

      1. newwhitebear ha detto:

        fidati, fidati

        Liked by 1 persona

E tu, cosa ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...