Introduzione – scala reale

Siamo ai primi di Agosto, l’aria è pesante e calda. Quasi come un rituale mensile,  ho prenotato una stanza d’albergo, la numero ventisei.

L’appuntamento è per le ventuno di questa sera, tutto sembra essere nei programmi, perfino le pratiche burocratiche dell’ufficio. “Stasera che impegni hai?” fa capolinea Christopher con un mezzo sorriso; il mezzo sorriso di chi la sa lunga “vuoi dirmi i tuoi?”.

Sparisce oltre la vetrata, senza vederlo in viso, so che sta sogghignando, mentre percorre il corridoio che separa il suo ufficio dal mio.

La camera ventisei inizia ad avere qualcosa di famigliare, nel mio fantasticarci dentro, negli ultimi mesi.

Stasera.

Quando aprirò quella porta, che mi prefiguro, legno intaccato, apertura a doppia mandata, quel legno intagliato con il 26, finemente decorata con dettagli in oro. Il tappeto di tessuto pregiato con un’unica tonalità sul nocciola chiaro, lungo il corridoio che divide stanza per stanza. C’è una simmetria nell’arredamento che lo rende il mio preferito, oltre che essere in una zona poco trafficata della città.

-Oltre la prenotazione base, richiesi altre accortezze, chissà se le avranno rispettate come indicato- pensai fra me.

Sto fantasticando ancora, m’ accorgo che sono quasi le cinque del pomeriggio. La vita è curiosa da queste parti, siamo nella capitale italiana. Ci sarà qualcosa in più presso l’albergo, una chicca. E’ il favorito della zona per questo anche, una cena aziendale esclusiva, come la definì Christopher “-non vedrai tutti, di quelli presenti se ne sentiranno delle belle”-.

Ricordo che lo guardai stranita, quando mi consegnò il biglietto d’invito “-non credo prenderò parte-” dissi, cercando d’apparire quanto più possibile disinvolta

-“tu ci sarai, lo sappiamo entrambi” rispose placido.

-Sapeva?-

Sorvolai sul pensiero, ma è come se si fosse inserito nella tasca dei jeans, tanto da rallentarmi il passo, misurando il ticchettio del tacco a spillo sul pavimento lastricato di marmo, dell’ingresso aziendale.

Avvertìi qualche brivido lungo la schiena, soppesando le sue parole.

https://i.pinimg.com/564x/e8/c7/09/e8c709aee6a4b349c0f8c7ae4c202212--lifestyle-photography-wine-photography.jpg

Annunci

3 risposte a "Introduzione – scala reale"

Add yours

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: