scala reale – seconda parte

(…)

Capisce o almeno credo che capisca, supera, allungando il passo fino alla porta dell’ascensore, gli rivolgo un cenno, preferisco prendere le scale.

___________________________

Una volta entrati, osservo attorno, conosco i dettagli della stanza, li riscopro con piacere. E’ un tipo di arredamento ricercato. Piacevole. Stranamente piacevole, per una camera d’albergo. Arredamento Shabby Chic in regola, con il letto a baldacchino, un mobile in legno finto rovinato, dove trovo una bottiglia di liquore ed accanto al tavolino, sulla seria, un abito protetto dalla pellicola, deve essere quello che ho ordinato.

Chiude la porta. Siamo soli, qui. Con una cadenza quasi mensile, rassicurante e poco descrivibile al tempo stesso. Più volte negli ultimi mesi ho pensato che fosse una di quelle situazioni che si descrivono da sole, senza aggiungere commenti, senza tanto parlarsi apertamente; senza poi così tanto pretendere l’uno dall’altro.

Credevo.-

Poggio la bottiglia, con le mani libere, slaccio l’abito, tenuto solo da una clip dietro al collo, cade ai piedi in un secondo, formando un morbido cerchio verde scuro.

“-aggrazziata-” esprime

-“sono stanca di apparire-” aggiungo, mentre prendo posto su uno dei due sgabellini posti di fianco al silenzioso mini bar.

Sento dalla voce che è impaziente, oserei pensare, forse più rispetto a poco innanzi. Voglio godermi il momento.

“un altro bicchiere?”

“va bene”

Inarco la schiena da dove sono seduta, slaccio il reggiseno, finisce a terra, in un morbido suono ovattato.

Mi osserva, verso ancora del liquore amaro nei due bicchierini, in attesa, sento un fremito lungo la schiena, ci siamo quasi, ed aspetto.

“non male l’arredamento, non trovi?”

“lo avevo intuito, prenoti la stessa da qualche mese”

“qualche mese” soppeso le parole – ;

“non è che cerchi di creare abitudine, laddove abitudine non è?”

Appoggio il bicchiere, me ne bevo un altro, stavolta lo sento di più, il bruciore si trasforma in un’altra sensazione, la testa vacilla. Poggio il bicchiere.

“da dove iniziamo?’

___________________________

https://i0.wp.com/rapida.typepad.com/filosofia/images/2008/09/22/48f422a8bdd8b45c399e6b03760bebc20.jpg

 

Annunci

7 risposte a "scala reale – seconda parte"

Add yours

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: