Non c'è niente che lenisca Che abbia un senso coerente più lacerante di quanto si pensi

Annunci

prosecuzione del titolo, mix mai vitale

conosco il tuo riflesso ne guardo e ne conosco i lineamenti e per quanto mi sforzi di essere e di pensare il pensiero mi lacera lasciandomi in sospeso d'un tratto è l'arte che mi ferisce come fosse il grandello di sabbia nell'occhio che dicono sia davvero fastidioso come cambia tutto questo col tempo con il... Continue Reading →

Musa

È che trovavo nel più totale sdegno per se stessa un rifugio lontano da tutti Nella mia scrittura ed in ciò che leggevo Potevo pensare ad altro Potevo non pensare affatto Ogni dettaglio a volte ricordava troppo La porta scheggiata durante l'ultima lite. La finestra rotta C'era sempre questa storia che impregnava tutto Che mi... Continue Reading →

Odio

Odio la mia empatia, Odio somatizzare, odio il mio credere di poter cambiare un qualcosa che non si lascia cambiare, odio la speranza persa, l'arresa appena prima di averci creduto. Odio l'inettitudine, odio l'ansia, odio lo sfogo solo nel momento in cui ti serve e non quando ne hai bisogno. Odio la depressione, odio sapere... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: