Pensieri

Annunci

Modalità carro armato

Scrivo, L'ho sempre fatto È il mio caos È la mia sostanza Potresti provarci gusto a leggermi o rinnegare le parole O farti qualche filmato Ma sai cosa c'è ? È mio. Scrivere è roba mia

Volevo che tu capissi quanto inutile e triste sia stato il germoglio della sofferenza che hai coltivato Volevo che tu sentissi, quanto possibile possa essere cogliere un'opportunità legata al destino Capace di dare slancio ai tuoi pensieri.

Tutto il resto non ci appartiene è solo l’inganno del Moderno. Del luccicante e lussuoso Moderno in cui annaspiamo

La verità è che non c'è nessuna verità. Forse l'ho capito troppo presto o troppo tardi. È tutta colpa mia o colpa sua o loro. E fra di noi ci guardiamo stando sulla difensiva. Mentre guardiamo labbra da cui vorremo sentire parole per guarire, la parola giusta o la frase ''giusta"... La verità, se esiste,... Continue Reading →

Sinfonia secondo sentimento

Scrivo, Scrivevo, Ho scritto, Il verbo non aiuta So essere ciò che sono, tra simboli scritti Non trovo spazio nella folla Ho scritto quando ho perso fiducia, quando ho lasciato, quando ho provato a risalire, quando, invece, volevo solo lasciarmi andare. Il ritorno al principio è come immergersi in un ricordo, desiderando che torni al... Continue Reading →

ai lettori,

memoria mia, memoria scalza sentendo la terra tremare sotto i piedi è una storia d'inverno che volge al Capodanno come ogni anno, ma è diverso memoria scalza, memoria mia, resta fra le lettere intrappolata in tutto ciò che sono stata e sono che possa almeno essere un senso per chi legge.

perché è una società di sopravvissuti a se stessi ? prefazione

...è il preludio di un pensiero distratto su un treno in corsa quando hai le fermate ed i loro cartelli che scorrono davanti agli occhi , anche se sono ostacolate dalla capigliatura del vicino ho addosso un profumo maschile ed uno femminile frutto di un indecisione quasi malsana che mi porta e pensare che il... Continue Reading →

inespresso

La superficialità è un vizio capitale. Qualcuno dovrà aggiungerlo alla lista dei vizi e dei peccati. Ed è il sintomo del Male del nostro Tempo. musa 19Giugno2015 fluido distacco dal reale Resta in disparte dentro al canto degli sconfitti senza pensare di essere l'ennesimo tra i vinti pentimento e ricongiungimento un senso di inespresso dentro

Apiediscalzi

Lei sostiene Così - Inevitabilmente Così - Confusamente Che la legge sia il recapito telefonico dei personaggi indiscussi Che non bisognerebbe rendersi la parte difficile e prenderne una più facile Siamo pedine ? C'è chi ha detto Sulla scacchiera dei colori Punta di diamante in mezzo ai Santoni

Apiediscalzi

discussa pedina dello scacco matto partita in spareggio una dichiarazione di indipendenza firmata col rancore fermo restando in attesa di un riscatto di chi era la mano vincente in mezzo alla polvere dei perdenti?   estraniata dal famigliare ribatezzata a discapito fermo restando che era ed è una dichiarazione di indipendenza firmata col rancore immagine... Continue Reading →

Citazione

L'amore non è un oggetto preconfezionato e pronto per l'uso.È affidato alle nostre cure, ha bisogno di un impegno costante, di essere ri-generato, ri-creato e resuscitato ogni giorno.Mi creda, l'amore ripaga quest'attenzione meravigliosamente.Per quanto mi riguarda (e spero sia stato così anche per Janina) posso dirle: come il vino, il sapore del nostro amore è... Continue Reading →

Apiediscalzi

...credo che andrò a letto , lascerò sorgere l'alba senza guardare a che ora è spuntata Credo che lascerò i giorni fare il loro corso, Credo che non sempre sia un bene pretendere di avere tutto sotto controllo. Credo che, ormai nulla. Non credo, mi lascio vivere e vivo Stay positive

scala reale – nona ed ultima parte

(...) Ho in mente un posto dove andare prima che cali il tramonto. ___________________________ Sono qui. Il posto è immobile e sospeso. E' un ponte chiuso da un paio d'anni circa per ristrutturazione, da questa prospettiva si osserva la città. Risalgo fino al punto più alto, piazzandomi in mezzo, sento i nervi tirare, vertigini, poco... Continue Reading →

scala reale – ottava parte

(...) Sento dai passi misurati sul pavimenti che si sta allontandando, ho gli occhi pesanti, il corpo intorpidito, una gran voglia di dormire. Nulla. ___________________________ Sono con Christopher, uno dei due della coppia gay di ieri, oppure oggi "perchè sono legata" mi esce una frase disarticolata -"ti abbiamo trovata nella piscina privata sul retro, svestita-... Continue Reading →

scala reale – settima parte

(...) -“John- Poi più nulla. ___________________________ Riapro gli occhi, un poco mi riprendo, riconosco una camera d'albergo, non è la solita. Sento le gambe intorpidite ed uno strano formicolio alle mani, realizzo che sono legata, sembra e sento un tessuto morbido. Apro del tutto gli occhi, ma il corpo non reagisce "dici che l'abbia drogata?"... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: