Quanto facile?

''ad una scultura marmorea non chiederesti mai fosse più leggera, è marmorea''

Annunci

lottomatica fanatica

Treccani dice che... fanàtico è la persona mossa da fanatismo religioso, invasata da grande entusiasmo per la propria fede e intollerante d’ogni altra religione: un credente f.; un cristiano, un musulmano fanatico Per estens., di chi è mosso da passione forte ed esclusiva, da entusiasmo per un’idea, per un partito, o anche semplicemente da simpatia... Continue Reading →

Tu

Sei tu che abiti tra questi pensieri che resisti tra i resti di qualche frammento sotto la pelle C'è ancora il senso di qualcosa inespresso, il bisogno di un contatto Dovresti essere quella che non perdona quella che ha qualcosa in cui credere  una scusa per rimandare quella che potrebbe fare la differenza Sei ancora... Continue Reading →

vivere

Forse non l'hai saputo dal più basso senso di colpa quando guardo al futuro un progetto personale un progetto unidirezionale hanno scambiato l'orgoglio con la cattiveria la velleità con un sorriso di cortesia di che pasta sei fatto? E' un puro ingegno restarsene al sole mentre sai che è solo un illusione dietro l'angolo l'ennesimo... Continue Reading →

La differenza

Parlavamo tanto, discutevamo, ci urlavamo addosso, stavamo in silenzio. In uno di quei momenti restai in silenzio,  succedeva spesso, guardando oltre il finestrino della macchina. Credo che soppesò le sue parole prima di parlare. Disse che ognuno porta dentro di sé  una parte sconfitta, una parte celata e sofferente. Disse che è proprio questa a... Continue Reading →

Gradisce altro, signora?

Sta caricando settanta piatti sulle braccia, saranno le prime portate della serata. Nello sforzo di non cadere, urlare "passo", guardarsi attorno, sta ringraziando le ore in palestra. Poggia i piatti e corre con le prime portare in sala, il chiodo fisso di far cadere qualcosa, fare brutta figura, essere licenziato o perdere i soldi. Già i... Continue Reading →

E pace fu…

Smise di pensare, ragionare, sentirsi inadeguata, cupa, fredda. Si lasciò trasportare da ciò che le veniva incontro, basta razionalità! Si vive con l'irrazionalità, l'istinto, le emozioni, la follia, il bisogno di viversi e godersi il momento. Le bastò un'anima combaciata alla sua, la sintonia, il giusto essere.

Il bicchiere per due

Speciale quanto basta. Accorto nei discorsi e nei modi. Consapevole del peso di un giudizio, dell'importanza delle parole. Sincero in linea di principio, sleale per difesa. Corretto, come il caffè, un amaro che copre il gusto. Vai oltre e scopri che ti piace. Disinvolto per natura, inibito per l'occasione. Creativo. Mente vivace, sorridente. Di quel... Continue Reading →

A piedi scalzi…

A piedi scalzi, silenziosa, profonda, priva di illusioni. Innamorata del vento, del mare, del blu notte. Cacciatrice di sogni, preda facile delle emozioni. Testarda, irrazionale, paurosa, folle. Incline alla competizione, avida di risposte, talvolta superficiale. Distratta, sbadata, protettiva. Arrogante, smaliziata, capricciosa. Talvolta incoerente. Osservatrice, curiosa, ironica. Pedante, pigra, lunatica. Pragmatica, organizzata, rigida. Inconsapevole, riflessiva, giudiziosa,... Continue Reading →

Doppio nodo, un solo filo

Stava già cambiando. Lo sentiva nell'aria, ne avvertiva le vibrazioni. Un contatto sospeso nel vuoto, trascinato dal vento e riportato indietro. Effetto boomerang. Gli bastava la sensazione che qualcuno  s'era svegliato accanto al suo pensiero. Gli alleggeriva la giornata, se ne innamorava platealmente. Chi può dirlo se del pensiero o della presenza? Stava già cambiando,... Continue Reading →

Il dente del giudizio

Dov'eri mentre tutto perdeva di significato? A fare finta di niente, ecco dove. Pensarci prima. A pensarci bene. L'idea di temporeggiare sino ad arrivare alla conclusione, è deleteria. Rimandare una conclusione è come aspettare che ti tolgano il dente del giudizio, non vedi l'ora, ma sai che farà male...era meglio prima, dici, quando non sentivo... Continue Reading →

Cosa m’importa per davvero?

Sembrava qualcosa di simile alla morte, sotto il peso delle mie stesse Scelte. Chiedersi cos'era poi la cosa di cui veramente mi importava, se la felicità o la stabilità. Forse avrei sopportato la solitudine se fosse servita ad avere una maggiore stabilità, oppure avrei tollerato l'instabilità se mi avesse concesso qualche istante di gloria. Dovevo... Continue Reading →

Prima che l’onda ti porti via

Perché voler cogliere le mille sfaccettature della realtà? Ogni situazione o ogni evento porta con sè un potenziale oltre misura. Un esplosione di "potrebbe essere". Ma noi che possiamo farci? Nella nostra limitata carne umane. Altro non facciamo che aggrapparci ai concetti, idee, giudizi. Dobbiamo pur sopravvivere in questa marea agitata di società. scrivere crea... Continue Reading →

Scarica di pensieri

 Il vento tra i capelli guidando la macchina una bottiglia di birra sulla spiaggia dopo aver fatto l'amore passeggiare in riva al mare, un lago, un fiume ascoltare socchiudere una porta l'odore fresco di vernice  il mare in tempesta e i tuoni ballando un lento improvvisare  un battito una coccinella come tatuaggio ubriacarsi vincere  perdere  sognare ... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: