Do I Wanna Know?

è tutto sulla mia pelle, ti lascio leggere il capitolo che vuoi

… al mio stampo originale

    dai, … falla la pazzia, … ti sto lasciando vedere che potevi farlo, è così non c’è altro è tutto sulla mia pelle, ti lascio leggere dal capitolo che vuoi provoca lo smottamento finale, spacca questa catena a cui ho già allentato i nodi, lo sto facendo anche per te, mi hai dato…

SegnI

ci vorrebbe la tela bianca che ho sognato, ma apparteneva ad un altro tempo la scrittura mi è rimasta fedele di un tempo che ho lasciato morire dentro se stesso il mio non l’ho trovato nemmeno lo sto più cercando guaine di silenzio attorno ai pensieri ho sempre lasciato che la vita mi passasse attraverso…

attenta

… ora che scivolo dentro i giorni anche toccare il fondo è sembrata una cosa giusta anche nel più basso livello di ciò che è sofferto ha preso forma ogni lacrima soffocata tutto ciò mi proietta in avanti ed ho una certa dipendenza dal dolore perchè mi ha forgiato e resa ciò che sono spaccandomi…

docile servire rivoluzione  

Rincorri nei sogni quasi ogni notte e al mattino lasci l’amaro in bocca sto vedendo scorrere quest’altro anno, che non vuole tranquillizzarmi ho il fiato corto i pensieri ricorrenti sono il piatto forte vorrei farne tabula rasa e restarmene così costruendo ciò che da diverso tempo vado a perseguire   sarà che mi sono distrutta…

fuga in acqua dolce

C’è troppa gente in giro, al tavolo di chi non so, gente invitata in attesa delle ordinazioni. Tavolate imbadite e ricche, sui tavoli scuri, lontani fra loro, anche il pavimento lo è, di un colore lucido. Le finestre coperte da tende sontuose. Non aspetto nessuno, solo le ordinazioni, un secondo di carne. Attorno diversi volti…

scalza e nuda

scaltra eloquenza leggiadra speranza tra fili d’erba bagnati carezze davanti ad una me stessa nuda una pausa non c’è stato limite di tempo addosso altre consapevolezze … un passaggio che ha interrotto un mix mortale soppesando pensieri incoerenti e struggenti malinconici il corpo al riparo altrove semplicemente altrove vivido e palpitante calda. In attesa di…

a presto !

e ora di dare forma al contenuto.. per un po’ ci sarà un periodo di inattività, spero che comunque passiate a lasciare un vostro pensiero ! apiediscalzi a presto! immagine tratta liberamente dal web

come … ;

Come un giocoliere rappresento scenari improponibili un macabro spettacolo davanti ad un pubblico sordomuto tratto dal film “IT”

… just a little

Chissà che possa essere com’è un vecchio motto che ha preso un’altra figura credo nella voce della coscienza il frutto di vicende passate che tornano “hai abbastanza equilibrio” è una provocazione “meriti abbastanza?” è lo sviluppo un viadante alle prese con le sue forze una strada che trova significato sotto i nostri passi quanto forte…

il conforto;-

… debolmente di nuovo in preda a nuovi pensieri voglio tu resti, ora e qui, in questo ultimo girone come non mai aggrappata a me e all’idea che possiamo farcela, resta come fosse la cosa più giusta, anche se dubito nel dirtelo per timore sia solo un illusione ho in mente progetti che mi lasciano…

contrasti ; –

Sapere di non essere soli talvolta appare un vantaggio sebbene verso se stessi ci sia un solo comandamento da seguire alcune cose non cambieranno mai, può essere il bello od il cattivo tempo ci sono segni sotto la pelle che riprendono a bruciare nella solitudine di una guerra aperta a volte dà tregua a volte…

se solo, …

Se mi guardassi adesso vedresti molto più di quel che credevi che fossi. Saresti pronto a sforare il limite di un sentimento. Ed è questa la tua più grande paura, quella di guardarmi negli occhi. Sì, perché se mi guardassi adesso mi ameresti altrettanto di più. Vedresti la donna che sono diventata dopo i colpi…

confidenziale

Sembra che un po’ tutti nascano con il loro peccato originale, e che passino il resto della loro vita nell’espiazione di questo senza dirselo apertamente. – apiediscalzi –

Il dente del giudizio

Dov’eri mentre tutto perdeva di significato? A fare finta di niente, ecco dove. Pensarci prima. A pensarci bene. L’idea di temporeggiare sino ad arrivare alla conclusione, è deleteria. Rimandare una conclusione è come aspettare che ti tolgano il dente del giudizio, non vedi l’ora, ma sai che farà male…era meglio prima, dici, quando non sentivo…